Pubblicato il 28 Luglio 2014
GESTIONE EMERGENZE IN AZIENDA: TRA IL DIRE E IL FARE

INTRODUZIONE
La gestione delle emergenze costituisce un obbligo sancito al capo III sezione VI del
Decreto Legislativo 81/2008, l’articolo si propone di analizzare e approfondire i
principali passi per una corretta implementazione del sistema anche alla luce della
lunga esperienza dell’autore ed alla fin troppo frequente evidenza di un burocratico ed
inadeguato assolvimento dell’obbligo.
L’articolo non ha come obiettivo quello di voler costituire una specifica linea guida
dettagliata, magari ci torneremo in un prossimo articolo.
Si vuole riflettere sulle numerose criticità riscontrate e dare uno spunto di riferimento.
LA PROPEDEUTICITA’
Durante i corsi di formazione inizio spesso l’argomento emergenze effettuando
un’esercitazione dal titolo “La gestione delle emergenze nella tua azienda”, il test inizia
chiedendo ai discenti come progetterebbero il sistema all’interno della propria realtà.
L’obiettivo è quello di far emergere la necessaria capacità di affrontare tale progetto
seguendo una linea propedeutica che inizi a muovere il tutto da una fondamentale ed
imprescindibile esecuzione di passi ordinati in modo in fondo elementare e forse proprio
per tale motivo non così immediato da comprendere.
Un’ulteriore domanda fatidica riguarda il numero di addetti che risulta necessario
incaricare, la legge ci dice che gli addetti debbono essere in numero adeguato.
Tutti chiedono per quale motivo il legislatore non abbia voluto inserire delle più
comprensibili ed ovvie griglie di riferimento.
Gestire le emergenze è un processo aziendale, particolare perché non è quello di cui si
sente la maggior esigenza, spesso poi, non ci arriveranno mai, lo speriamo, i feed back.
Tali motivi portano in molti casi ad un adempimento solo correlato al rispetto della
legge con l’obiettivo di evitare la sanzione, ma questa è una procedura aziendale che
nel momento in cui chiede la sua applicazione non ammette sbagli, si deve agire bene e
subito.
I PASSI
Il primo passo è la redazione del Piano di Emergenza.
Da anni vado in una palestra che si trova nel mio quartiere, si tratta di un grande
edificio a sviluppo sul solo piano terreno, la prima volta che vi ho messo piede ho visto
che a parete era presente nei vari ambienti un formato A3 con scritto “Piano di
emergenza”, commosso mi sono avvicinato per vederne i contenuti e ho notato che tra
le cose riportate c’era il divieto di utilizzare ascensori in caso di incendio… peccato che
gli ascensori non esistevano.
È evidente che non esiste un piano di emergenza ma il piano di emergenza che
specificatamente riguarda quella realtà.
Il piano deve essere il frutto di sopralluoghi mirati che portano alla conoscenza della
struttura, delle lavorazioni, delle situazioni ordinarie e di quelle straordinarie anche inrelazione al territorio dove l’azienda è collocata.
È necessario tracciare tutti gli scenari incidentali ipotizzabili e per ciascuno indicare
cosa bisogna fare in termini di misure precauzionali, piani di intervento, gestione delle
risorse implementate.
La normativa obbliga l’azienda ma non identifica, abbiamo già precisato, il numero di
addetti da incaricare e formare.
Quale il metodo per arrivare quindi.
Scrivere la procedura indicando cosa fare se… È sufficiente?
È cosa essenziale indicare chi lo deve fare.
L’assegnazione nominale degli incarichi è senza dubbio il modo migliore per arrivare a
definire gli addetti qb.
Possiamo dimenticare aspetti logistici? Certo che no.
Un centro commerciale per il quale svolgevo corso antincendio non aveva organizzato
con i propri addetti la gestio
ne del primo soccorso, il motivo era la presenza presso il centro di un servizio
autoambulanza con personale paramedico.Chiesi, con estrema ingenuità… che orario
svolge il servizio autoambulanza?
Mi risposero dalle ore 9 alle ore 18… chiesi di nuovo con altrettanta ingenuità… il centro
commerciale quali orari di attività ha?
L’emergenza dunque come evento che si verifica all’improvviso, in qualsiasi momento,
richiede un intervento rapido e di qualità e non ammette falle logistiche nel sistema
legate agli orari ed alle presenze.
L’emergenza non ammette nessun tipo di tentennamento.
Immaginiamo l’ipotesi di un principio di incendio…si può trasformare in un incendio
generalizzato nel giro di pochissimi minuti.
Una procedura semplice e pragmatica potrebbe prevedere che chiunque rilevi un
principio di incendio deve immediatamente avvertire l’addetto incaricato il quale si
porta subito nell’area interessata e se decide di intervenire preleva ed attiva il più
vicino estintore per spegnere.
Una procedura di questo tipo deve richiedere tempi entro il minuto.
Guardate proprio alla luce dei tempi richiesti come questa pur semplice procedura
quanti elementi di riflessione viene scatena:
primo punto: il chiunque deve conoscere la procedura, essa infatti lo coinvolge
nell’avvertire immediatamente l’addetto incaricato e quindi è necessario sapere chi o
meglio chi sono gli addetti incaricati, dove sono e come devono essere avvertiti.
secondo punto: l’addetto o gli addetti incaricati devono essere presenti.
terzo punto: l’addetto deve trovare nell’area interessata idoneo e funzionante mezzo
antincendio.
Qualsiasi pur piccolo intralcio a tale procedura determinerebbe ritardi di intervento
drammatici.
IL TEST


Dobbiamo partire da un presupposto, anche nel caso di un piano di emergenza ben
redatto rimangono numerose incognite.
Nessuno pensa mai alle emergenze, non vogliamo ricevere imput dallo svilupparsi di un
quadro drammatico ed allora cosa fare?
La parola d’ordine dovrebbe essere affrontare in modo serio e completo le obbligatorie
esercitazioni.
Il D.M. 10 marzo 98 all’allegato 7 ci parla di esercitazioni antincendio, effettuate almeno
una volta l’anno, per mettere in atto le procedure di esodo e di primo intervento.
Ma spesso accade , sempre nei casi in cui l’esercitazione sia effettuata, che viene svolta
la sola prova di evacuazione, altro aspetto è che non viene lasciato alcun margine agli
errori.
È in primo luogo evidente che l’esercitazione ha un solo grande obiettivo ossia testare
la validità del piano di emergenza o per maggior chiarezza del nostro sistema di
gestione delle emergenze.
Sono stato chiamato qualche anno fa a presenziare ed a relazionare sulla prova di
evacuazione del centro direzionale di un’importante azienda.
Il giorno della prova che era prevista per le ore 12 sono arrivato nella sede aziendale,
erano circa le 11 e le persone erano già disposte con tutti i loro bagagli lungo le vie
d’esodo…
L’esercitazione poi prevedeva che fosse utilizzato un pulsante di allarme per dare via
alla prova, così venne fatto e si diffuse l’allarme, poi un addetto era incaricato di
togliere la corrente ai piani ed appena la corrente fu tolta il sistema di allarme cessò di
funzionare…
Quali messaggi importanti ho tratto da questa esperienza.
La prova viene vissuta come un momento in cui non si vuole sbagliare, si vuole fare
bella figura, dicevo prima non si lasciano margini all’errore, la non conformità non deve
esistere, ciò è l’esatto contrario di quanto ci serve.
Testare significa, nel caso della gestione delle emergenze, essere dei critici i più feroci
possibile, ben venga l’evidenza di carenze che in tale situazione sono ancor correggibili.
CONCLUSIONE
Propedeuticità e sostanza sono il motto che deve accompagnare l’implementazione del
sistema per gestire l’emergenza.
La propedeuticità sta nel seguire una linea logica: devo partire dal piano di emergenza.
Sostanza è, in primo luogo, costruire un piano di emergenza che abbia le seguenti
caratteristiche:
completo = tutti gli scenari incidentali ipotizzabili
specifico = proprio di quella realtà aziendale
pragmatico = tutte le variabili logistiche
semplice = didattico
diffuso = portato a conoscenza di tutti
La sostanza deve poi proseguire nella fase del collaudo dove tutti gli aspetti devonoessere considerati e dove tutte le fasi vanno testate per la ricerca approfondita di
quanto non adeguato.


 


Dott.Angelo Scardellato

Inserisci commento

Commenti
 
Maggio - 2012
Novembre - 2012
Gennaio - 2013
Marzo - 2013
Aprile - 2013
Giugno - 2013
Ottobre - 2013
Novembre - 2013
Luglio - 2014